Trasporti, de Magistris annuncia: “Il 30 giugno riapre la funicolare centrale”

Il sindaco: “La stazione Tav di Afragola e il nuovo piano ferroviario dell’alta velocità Roma-Reggio Calabria penalizzeranno molto la città di Napoli ma anche i turisti e tutti coloro che sono abituati ai collegamenti veloci tra Napoli e la Calabria. E’ vero che far transitare i treni Tav da Afragola fanno accorciare di 30 minuti il viaggio Roma-Reggio Calabria, ma è altrettanto vero che Napoli è danneggiata, con una stazione che si trova in aperta campagna e mal collegata”

De Magistris a tutto campo sui trasporti nell’intervista al direttore del Vg21 Gianni Ambrosino nel corso della trasmissione Rebus, in onda su Canale 21 stasera alle ore 19.45 e 00.10. “La stazione Tav di Afragola e il nuovo piano ferroviario dell’alta velocità Roma-Reggio Calabria penalizzeranno molto la città di Napoli – sostiene il sindaco – ma anche i turisti e tutti coloro che sono abituati ai collegamenti veloci tra Napoli e la Calabria. E’ vero che far transitare i treni Tav da Afragola fanno accorciare di 30 minuti il viaggio Roma-Reggio Calabria, ma è altrettanto vero che Napoli è danneggiata, con una stazione che si trova in aperta campagna e mal collegata”.

Il sindaco parla dei tanti cantieri aperti in città e dell’imminente riapertura della Funicolare Centrale, chiusa dallo scorso agosto.“Rispetteremo l’impegno che avevamo preso con la città e per il 30 giugno riapriremo la funicolare centrale – garantisce il primo cittadino – Stanno, intanto, continuando i lavori a via Pigna e stanno per iniziare quelli al Corso Vittorio Emanuele. Per quanto riguarda, invece, via Marina entro l’estate sarà concluso il tratto compreso tra le torri aragonesi e l’ingresso dell’autostrada, mentre in autunno l’altro tratto, quello fino a San Giovanni. Per quanto riguarda la Riviera di Chiaia, invece, per fine anno avremo completato il restyling stradale e inaugureremo la stazione. Finalmente a Napoli si realizzano lavori pubblici importanti, si fanno appalti e non si ruba più”.

De Magistris, reduce da un tour elettorale in diversi Comuni del Centro-sud Italia dove si voterà domenica per le Amministrative, si sofferma sul suo movimento politico e sulla riforma elettorale. “Sono orgoglioso che ci stiano chiamando da tutta Italia per ospitarci e raccontare quanto di buono stiamo facendo a Napoli. Ormai vedono Napoli come esempio di cambiamento politico, ma anche di piena affidabilità politico-istituzionale”.

Per la festa prevista a luglio allo stadio San Paolo per la cittadinanza onoraria a Diego Armando Maradona, il sindaco ribadisce che “il Comune di Napoli ritiene in modo convinto che questa festa debba farsi e che vada fatta al San Paolo, ma ora vedremo cosa deciderà la Società Calcio Napoli, mentre per la firma della convenzione per l’uso dello stadio, stiamo lavorando per chiudere un accordo che sia di almeno 5 anni”.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest