Torre Annunziata, massacrato davanti alla figlia per un posto auto: è caccia alle belve

Così è morto il 61enne Maurizio Cerrato. La ragazza aveva spostato una sedia per parcheggiare la vettura, ma qualcuno non ha gradito il gesto e le ha squarciato una gomma. Il padre, intervenuto dopo, assalito da almeno 4-5 persone e ammazzato a colpi di compressore e coltellate

Massacrato dal branco per aver parcheggiato dove qualcuno riteneva non dovesse. Così a Torre Annunziata, ieri, è morto Maurizio Cerrato (nella foto). L’uomo, 61 anni, è stato ammazzato da almeno 4-5 persone, a colpi di compressore portatile e coltello. Questa la ricostruzione di quanto accaduto, nell’area di sosta privata di via IV Novembre, i carabinieri della compagnia oplontina, coordinati dal maggiore Simone Rinaldi. I militari hanno acquisito le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti sul posto. Gli inquirenti hanno rinvenuto al momento il solo compressore, mentre non è stata ancora recuperata l’arma da taglio. “A mio padre è stato fatto un agguato, voleva solo difendermi – scrive su Facebook la figlia 20enne – Ci tengo a precisare che non è corretto dire che mio padre è morto in una lite. A mio padre è stato fatto un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi. Mio padre è stato pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare”. Stando a quanto dichiarato dalla giovane al pm Giuliana Moccia della procura di Torre Annunziata, la vicenda si dipana in due momenti. Il primo avrebbe interessato l’auto della ragazza, parcheggiata in un posto che qualcuno si era preoccupato di tenere riservato per sé, con una sedia. Sedia che 20enne invece avrebbe spostato per la sosta della sua vettura. Per questo gesto sarebbe stata punita con una ruota squarciata. A questo punto, sarebbe giunto il padre, per cambiare lo pneumatico. L’uomo sarebbe stato affrontato da una persona, quindi circondato da altri che lo hanno colpito selvaggiamente, con il gonfiatore e con il coltello. La figlia avrebbe poi trasportare il padre al pronto soccorso dell’ospedale di Castellammare di Stabia, dove però è arrivato già privo di vita. La vittima, un incensurato, lavorava come custode presso gli Scavi archeologici di Pompei. In queste ore le forze dell’ordine stanno provando a stringere il cerchio intorno ai responsabili.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest