Scontro Renzi-de Magistris, Mattarella media per un incontro a breve

Il presidente della Repubblica oggi a Napoli per partecipare ad un convegno su Benedetto Croce. Il colloquio con il sindaco: si sarebbe impegnato a dirimere il conflitto e favorire un vertice tra le parti

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella potrebbe assumere un ruolo fondamentale per porre fine al braccio di ferro in corso da due anni tra il capo del governo Matteo Renzi e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Oggi il presidente Sergio Mattarella è giunto a Napoli per partecipare ad un convegno su Benedetto Croce. Prima di giungere a Palazzo Filomarino, il capo dello Stato ha incontrato a Villa Rosebery Luigi de Magistris. L’incontro, durato una ventina di minuti, è stata l’occasione per parlare dei principali problemi che travagliano la Città davanti a una tazza di caffè. Stando i soliti bene informati si sarebbe parlato soprattutto di Bagnoli, del commissariamento, dei continui rifiuti del presidente del consiglio Renzi di incontrare il primo cittadino partenopeo. E a quanto pare, Mattarella si sarebbe impegnato ad intervenire per dirimere il conflitto istituzionale, riprendere il dialogo tra Palazzo San Giacomo e Palazzo Chigi e favorire un vertice tra de Magistris e Renzi. Un vertice che potrebbe essere convocato anche nelle prossime ore.

 

 

“Con il sindaco di Napoli abbiamo parlato della città” – ha detto Mattarella. La fascia tricolore mostra soddisfazione per l’incontro. “Sono molto contento di questo incontro con il Presidente della Repubblica, che avevo chiesto ieri –ha puntualizzato de Magistris – Abbiamo preso un caffè assieme e abbiamo parlato di quello che è accaduto e sta accadendo a Napoli. Credo sia stato un incontro di rilevanza istituzionale importante – ha continuato il sindaco – Abbiamo parlato di Napoli e dei napoletani e quando si parla di cosa sta accadendo a Napoli significa di tutto: dai problemi al risveglio culturale, al riscatto, alle questioni istituzionali. Si è parlato di tutto. Ho voluto trasmettere al Presidente il momento che sta vivendo la città, con la sua passionalità, la sua forza e i suoi problemi, con la sua voglia di essere punto di riferimento del riscatto dell’intero Paese attraverso il Mezzogiorno, della necessità di una cooperazione istituzionale importante e del rispetto degli equilibri istituzionali – ha sottolineato ancora il sindaco. A chi gli chiede se si sia parlato anche dalle tensioni tra il Comune di Napoli e il Governo, il primo cittadino ha replicato “io dialogo sempre con tutti e oggi sono stato particolarmente onorato di essere stato ricevuto dal Capo dello Stato. Abbiamo convenuto sul momento importante e decisivo che sta vivendo la città e che il consolidamento del riscatto di Napoli ha un effetto trascinante su tutto il Mezzogiorno e, aggiungo, del Paese se il Sud va forte e ci crede, e se punta sullo spirito e sulla forza, il coraggio e l’autonomia”. Dunque, il sindaco de Magistris lancia un messaggio di grande responsabilità istituzionale e di apertura al dialogo nell’interesse generale della Città. Tutti attendono la risposta del Premier, sperando nel buonsenso.

Ciro Crescentini

(Foto Ufficio stampa Comune di Napoli)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest