Sant’Antimo, spillano 200mila euro a infermo psichico: 2 arresti

Gli indagati accusati di circonvenzione aggravata d’incapace

Secondo gli investigatori, tra aprile e agosto 2016, approfittando dello stato di infermità psichica di un 62enne del luogo, si erano fatti consegnare ingenti somme di denaro, per un totale di 200mila euro, dicendogli che in base a una non meglio specificata legge doveva restituire 51mila euro e che solo così avrebbe potuto mantenere il posto di lavoro come dipendente comunale.
I carabinieri di Sant’Antimo hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, emessa dal gip di Napoli nord, nei confronti di due persone: Pasquale Iavazzo, 56enne e Carmine Liguori, 47enne, entrambi del posto, sono accusati in concorso di circonvenzione aggravata d’incapace.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest