Rifiuti, de Magistris rivendica di averli tolti dalle strade. Sodano: “Fu grazie al mio piano”

Botta e risposta a distanza tra sindaco ed ex vicesindaco

De Magistris rivendica di aver tolto i rifiuti delle strade di Napoli, e Sodano reclama la sua parte di meriti. Il botta e risposta a distanza, dopo l’intervista del sindaco al Fatto Quotidiano. “La Raggi ha scelto la Muraro, una consulente di Ama. Io – dichiara de Magistris – nel 2011 vengo eletto in piena emergenza, 2500 tonnellate di spazzatura per le strade. In un mese e mezzo nomino galantuomini che cambiano completamente l’assessorato all’Ambiente e i vertici di Asia, ripulisco Napoli e faccio uscire la camorra dal ciclo degli affari. Uno tsunami”. Al che, fanno notare a de Magistris  che alcuni di  quei galantuomini – Raphael Rossi ad Asia e Tommaso Sodano all’assessorato all’Ambiente- hanno lasciato l’amministrazione, con coda polemica. E lui risponde: “Riconosco che forse feci scelte che non si sono dimostrate le migliori. Ma posso dire con certezza che ‘scassammo’ un sistema”.  L’ex vicesindaco scrive su Facebook: “Credo che sia doveroso ricordare che a Napoli il problema dei rifiuti, con migliaia di tonnellate per strada, lo risolvemmo con un Piano d’azione da me predisposto e portato alla prima giunta comunale. Alcune scelte coraggiose che ruppero il sistema di intrecci tra la politica e gli affari nel settore rifiuti a Napoli. Questi i fatti …poi ad ognuno resta il racconto e l’onestà intellettuale di saper riconoscere i meriti del lavoro svolto. Nella mia storia politica poche volte ho usato l’Io”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest