Primarie, De Luca torna ad attaccare il Pd di Napoli: “Non esiste”

Il governatore: “In queste realtà il partito va ricostruito da zero, smantellando il correntismo e riprendendo il rapporto con la società alla quale dobbiamo parlare”

“Ci sono alcune realtà nelle quali il Partito Democratico non esiste, a cominciare proprio da Napoli, dove si immagina che il Pd sia più una somma di botteghe personali che una grande organizzazione politica. In queste realtà il partito va ricostruito da zero, smantellando il correntismo e riprendendo il rapporto con la società alla quale dobbiamo parlare”. Il governatore Vincenzo De Luca torna ad attaccare il Pd napoletano, parlando delle primarie. “Faccio un esempio – dichiara in un’intervista rilasciata a Mattina 9, in onda sull’emittente Canale 9 – 7 Gold -: la Regione Campania vara un piano per il trasporto degli studenti e sembra quasi che il Pd non se ne accorga”. “Quando si parla di quanto avviene in Regione – aggiunge De Luca – spesso lo si fa ‘a capocchia’. In Campania stiamo facendo cose incredibili e sarebbe importante parlarne: ma confrontarsi su cose di merito vorrebbe dire studiare e informarsi”. Il governatore conclude: “Sono necessari molti passi avanti nel rinnovamento programmatico – ha concluso il governatore – Il referendum del 4 dicembre è stato un colpo pesante per il governo, per il partito e per le nostre politiche”. Ed anche per De Luca.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest