L’episodio su un mezzo della linea 195. L’aggressore si è allontanato in auto. Per la vittima due giorni di prognosi

Erano le 14.30 circa quando il bus della linea 195 percorreva via B. Longo, nei pressi del lotto O di Ponticelli, a Napoli est. Ad un tratto un uomo fuori fermata ha fatto segno al conducente di voler salire a bordo del mezzo. Il dipendente impossibilitato ad effettuare la fermata ha proseguito la corsa. Qui si scrive il copione della ennesima aggressione ai danni di un dipendente Anm, a poche ore da quello avvenuto nella stazione metrò di piazza Municipio. Dopo il rifiuto dell’autista un’auto, con a bordo l’uomo che voleva salire e un’altra persona, ha superato il bus. Approfittando delle porte aperte per far scendere i passeggeri, la persona a cui era stata negata la fermata prima è salita a bordo, ha aperto la porta che separa il conducente dai passeggeri, colpendo l’anziano dipendente con calci e pugni. Successivamente èsceso dal bus e si è allontanato in auto. Il conducente giunto al vicino capolinea è stato accompagnato al pronto soccorso di Villa Betania. I medici gli hanno refertato un trauma cranico con prognosi di 2 giorni. “Bisogna garantire e potenziare la sicurezza a bordo dei mezzi pubblici e nelle stazioni – afferma Adolfo Vallini del coordinamento provinciale Usb – i sistemi finora utilizzati, evidentemente, non bastano .

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest