Omicidio Materazzo, la vedova: “Convinta dell’innocenza di mio cognato Luca”

Elena Grande e le cognate, con una nota, prendono posizione sulle indagini relative all’omicidio dell’ingegnere sgozzato lo scorso 28 novembre davanti la sua abitazione a Napoli, che vedono indagato un fratello della vittima

Confermano “la piena fiducia nel lavoro degli inquirenti e la loro convinzione nell’innocenza di Luca”. Elena Grande, vedova dell’ingegnere Vittorio Materazzo con le sue cognate Roberta, Maria Vittoria, Serena e Simona, attraverso una nota prendono posizione sulle indagini relative all’omicidio dell’ingegnere sgozzato lo scorso 28 novembre davanti la sua abitazione a Napoli. E dichiarano di credere all’innocenza di Luca Materazzo, indagato per l’omicidio del fratello

Nel comunicato la vedova e le cognate esprimono anche “il loro fermo disappunto per il modo con cui sono state commentate le esequie del loro compianto, tenutesi nel pomeriggio di Venerdi'”. “Smentiscono – si legge – in relazione a tale vicenda, l’esistenza di divisioni e fratture in seno alla famiglia e ribadiscono che l’informazione sul punto fornita, siccome volta a rappresentare un simile quadro, è falsa e infondata e comunque di pregiudizio per i minori coinvolti”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest