Nola, titolare di bar picchiato perché rifiuta di versare il “pizzo”: preso 19enne

Nel corso della colluttazione ferito il giovane arrestato. Approfittando della fuga della vittima, avrebbe rubato 300 euro dalla cassa. I carabinieri lo hanno trovato poco dopo in una clinica dove si stava facendo medicare

NOLA – Secondo gli investigatori dell’Arma, il giovane nei giorni scorsi si era presentato in un bar della frazione Piazzolla di Nola, pretendendo dal titolare la consegna di 500 euro. Al rifiuto, la vittima è stata aggredita violentemente. I carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno fermato Carlo Sepe, 19enne del posto, indiziato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Nel corso della colluttazione con il commerciante il giovane era rimasto ferito. Mentre il titolare del bar fuggiva, il ragazzo ne avrebbe approfittato per rubare il denaro in cassa, circa 300 euro. I carabinieri lo hanno trovato poco dopo, nella clinica Trusso di Ottaviano, a cui si era rivolto per ricevere le cure, dopo aver fornito false generalità. Durante il sopralluogo dei militari nel bar sono stati rinvenuti e sequestrati due coltelli, che sarebbero stati utilizzati da Sepe nel corso dell’aggressione. Terminate le formalità di rito il fermato, già noto alle forze dell’ordine, è stato portato nel carcere di Poggioreale.

sepe_carlo_ildesk

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest