Napoli, suppletive: Ruotolo, il candidato di de Magistris ha paura del confronto

Sandro Ruotolo, il candidato di Luigi de Magistris, continua a fuggire e rifiutare il confronto con gli altri quattro candidati alle suppletive. Ruotolo tuona contro il fascismo e il salvinismo ma è il primo a snobbare la democrazia e le sue regole. Durissima la nota firmata da Luigi Napolitano(Movimento 5 Stelle), Giuseppe Aragno(Potere al Popolo), Salvatore Guangi(Centro destra), Riccardo Guardino(Rinascimento Partenopeo).

Giuseppe Aragno di Potere al Popolo

Chiediamo gli spessi spazi per tutti i candidati e un confronto democratico – affermano – Dopo avere visto in diretta sul sito di Repubblica l’intervista a Sandro Ruotolo, ringraziamo la redazione di Repubblica Napoli Tv per l’invito di una diretta di confronto tra i candidati, ma decliniamo – sottolineano – Non abbiamo intenzione di partecipare a un confronto politico sui temi delle elezioni suppletive del Senato previste per il 23 febbraio prossimo che non vedrà tutti i candidati presenti, soprattutto quando all’unico candidato che ha declinato il confronto democratico viene concesso uno spazio esclusivo di mezz’ora. Lo declineremo finché non lo si organizzerà tra tutti e cinque i candidati, con regole precise e stesse condizioni, oppure finché non venga concesso lo stesso spazio anche agli altri candidati – conclude la nota – È questione di democrazia. Resta il nostro disappunto per la scelta di volere ospitare Sandro Ruotolo da solo, cioè senza contraddittorio politico”.

(Al centro nella foto Luigi Napolitano del Movimento 5 Stelle)

E non finisce qui. La sede napoletana del Cnr è finita nella bufera per avere avallato un comizio elettorale del candidato di de Magistris senza un contraddittorio. E’ quando denuncia Luigi Napolitano, candidato del Movimento 5 Stelle “Trovo molto scorretto schierare enti istituzionali a sostegno di una parte politica. Ho constatato che nella sede napoletana del Cnr – ente ministeriale – si è tenuto il comizio di Sandro Ruotolo senza alcun contraddittorio e senza il confronto con altri candidati sulle questioni relative alla ricerca scientifica” – afferma Luigi Napolitano – Il Consiglio Nazionale delle Ricerche rappresenta una straordinaria realtà scientifica che rende onore a tutti noi, all’intero Paese: la sfida che colgo come candidato al Senato è sul piano delle proposte, nessuno si presti alle strumentalizzazioni”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest