Napoli, l’assessora Menna ignora le donne licenziate per dedicarsi alle elezioni suppletive

L’esponente di Palazzo San Giacomo dispensa consigli e ammonimenti ai suoi ex compagni del Movimento 5 Stelle

Ora anche l’assessora alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, Francesca Menna, ex pentastellata rilascia dichiarazioni sulle suppletive, le prossime elezioni regionali, le liste dei candidati. L’esponente di Palazzo San Giacomo preferisce dedicarsi alle campagne elettorali piuttosto che affrontare i problemi reali presenti sui posti di lavoro, ovvero discriminazioni, demansionamenti, mobbing. Problemi che coinvolgono, soprattutto, i lavoratori e le lavoratrici delle aziende partecipate. Non risultano, per esempio, iniziative e interventi dell’assessora in merito al licenziamento di alcune lavoratrici alle Terme di Agnano, azienda di proprietà comunale. Menna si è limitata ad ascoltare una “sola campana”, l’amministratore della società, snobbando le lavoratrici licenziate e mobbizzate. Dunque, l’assessora predica bene e razzola male. E a proposito di prediche, la Menna ha trovato, invece, il tempo per criticare il Movimento 5 Stelle, il Movimento di cui ha fatto parte fino a due anni fa. Il Movimento che l’ha fatta eleggere consigliere comunale e aiutata a farsi conoscere. Successivamente, Menna è stata “folgorata sulla via di Luigi de Magistris” e dal trasformismo politico, diventando “assessora arancione“. Conquistata la poltrona, Menna dispensa consigli, ammonimenti, rimproveri, rivolti in tono di fastidiosa superiorità in merito ai prossimi appuntamenti elettoriali. “Non accettare accordi con le altre forze politiche è una perdita di opportunità per il Movimento 5 Stelle – afferma l’assessora Menna, interpellata dall’Agenzia Dire. Le suppletive del 23 febbraio sono un’ occasione persa, dove il Movimento 5 Stelle corre contro il candidato di Luigi de Magistris, sono un’occasione persa secondo la Menna: “Sandro Ruotolo è un cittadino coerente, che ha lavorato con degli obiettivi ben precisi”. Prediche. Prediche di una ex. Sommessamente è doveroso ricordare all’assessora che Luigi Napolitano, il candidato del Movimento 5 Stelle è un ingegnere gestionale, dirigente di un’azienda di trasporti e nella sua vita professionale e lavorativa ha raggiunto un numero di obiettivi ben precisi, forse, superiori a quelli di Ruotolo e coerentemente continua a lottare con i pentastellati mentre altri percorrono(senza ritegno) la via partenopea al trasformismo e al salto della quaglia.

a sinistra nella foto, Luigi Napolitano candidato Movimento 5 Stelle alle suppletive del 23 febbraio

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest