Napoli: inaugurato villaggio Universiadi, de Magistris e De Luca litigano ancora

A bordo delle navi Msc Lirica e Costa Victoria sarano accolti circa 4 mila ospiti

Le istituzioni cittadine e regionali dovrebbero affrontare e gestire un grande evento come le Universiadi impegnandosi unitariamente per la sua riuscita e tutelare l’immagine di Napoli e della Campania. Invece, il governatore della Campania e il sindaco di Napoli hanno colto un’altra occasione per litigare e fare propaganda elettorale. E hanno litigato a margine dell’inaugurazione del Villaggio Atleti. Una bellissima struttura organizzativa ubicata nel Porto di Napoli. A bordo delle navi MSC Lirica e Costa Victoria saranno accolti circa 4 mila ospiti, tra atleti e delegati – 150 già a bordo. Alla cerimonia sono intervenuti oltre 100 ospiti istituzionali ed una rappresentanza militare di tutte le Forze Militari e Corpi dello Stato. I militari della Capitaneria di Porto hanno innalzato la bandiera italiana e quella della FISU, mentre la Fanfara dei Carabinieri ha intonato i rispettivi inni. De Luca e de Magistris hanno preferito polemizzare. De Luca ha immediatamente risposto a de Magistris che parlando del piano traffico, aveva detto che “sarebbe stato meglio fare il villaggio altrove”. Parole che hanno fatto arrabbiare De Luca:  “Abbiamo perduto 7 mesi di tempo dietro a una fantasia che voleva realizzare il villaggio sportivo niente meno che nella Mostra d’Oltremare, collocando li 3 mila containers e quindi rovinando uno spazio bellissimo della citta’ di Napoli“. “Abbiamo deciso alla fine che questo dovesse essere il villaggio e va bene cosi’ – insiste De Luca – con le navi da crociera nel cuore della citta’ di Napoli”. Il presidente della Regione ha sottolineato che “terminato l’evento non ci saranno piu’ problemi” per la viabilita”. “Siamo molto soddisfatti, adesso – ha aggiunto- dobbiamo essere all’altezza dell’evento”. Sul palco installato al porto, De Luca ha preferito intervenire semplicemente con un “in bocca al lupo” ad atleti e organizzatori.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest