Napoli, appalti e corruzione: 11 misure cautelari. Coinvolti politici, amministratori e imprenditori

concorso in corruzione, traffico di influenze illecite e turbata libertà degli incanti

Una sorta di comitato di affari per la gestione del Rione Terra a Pozzuoli. Concorso in corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, traffico di influenze illecite e turbata libertà degli incanti: è quanto la Procura di Napoli contesta, a vario titolo, a undici indagati, tra esponenti politici, amministratori locali e imprenditori a cui la Guardia di Finanza e della Polizia di Stato hanno notificato altrettante misure cautelari. Indagine coordinata dalla Procura di Napoli (pm Ferrigno, Sica e Capuano).

Nicola Oddati

Scoperta una sorta di cricca. Era disposto a tutto, l’imprenditore edile Salvatore Musella, pur di mettere le mani sull’Antica Rocca della sua Pozzuoli, storico insediamento che sovrasta il porto, sgomberato tra gli anni ’70 e ’80 a causa del bradisismo e poi interamente ristrutturato. Lì doveva sorgere un’imponente struttura alberghiero-ricettiva, con un’incantevole vista sul Golfo, che Musella intendeva assolutamente costruire e gestire. L’imprenditore oggi è uno degli 11 arrestati, insieme a Nicola Oddati, all’epoca dei fatti componente della direzione nazionale del Pd e attualmente dirigente della Regione Campania, l’ex sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, già coinvolto in un’altra analoga indagine e l’ex presidente dell’Enit Giorgio Palmucci.

I reati ipotizzati a vario titolo sono concorso in corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, traffico di influenze illecite e turbata libertà degli incanti. Undici le misure cautelari: ai domiciliari due collaboratori di Musella, il nipote e collaboratore Salvatore Della Corte e Gianluca Flaminio. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria invece per cinque: Giovanni Bastianelli, all’epoca dei fatti direttore esecutivo dell’Enit, il dipendente del comune di Pozzuoli Angelo Tortora (ritenuto collaboratore di Figliolia), Antonio Carrabba, collaboratore di Musella, Sebastiano Romeo, ex consigliere della Regione in Calabria e candidato a segretario provinciale del Pd a Reggio Calabria e Luciano Santoro, anche lui del Pd, candidato alla segreteria Provinciale di Taranto, ex assessore comunale a Grottaglie ed ex consigliere provinciale a Taranto.

Secondo l’accusa Musella, Figliolia, Oddati e Palmucci, insieme con alcuni degli altri indagati, si sarebbero adoperati per agevolare l’assegnazione dell’appalto facendo avere preventivamente a Musella e Della Corte tutte le informazioni necessarie per vincere la gara. In cambio avrebbero ottenuto varie utilità: a vario titolo, posti di lavoro, denaro, vetture per l’uso personale, abiti sartoriali, soggiorni in hotel e ristrutturazioni edili per la compagna di Oddati.

Nell’ambito dell’inchiesta sono stati sequestrati anche diversi documenti Word ed Excel, ritenuti una sorta di contabilità segreta. Nei file, uno denominato Natale 2020, vengono indicati nominativi di persone, enti pubblici, e regali come bottiglie, buoni outlet da 500 euro, pc e cellulari.

“E’ emerso uno spaccato di disinvolto malaffare radicato intorno al comune di Pozzuoli e in altri luoghi per assicurare corsie preferenziali nell’aggiudicazione di appalti pubblici”. Sono eloquenti le parole che il gip di Napoli Antonio Baldassarre, usa nell’ordinanza con la quale oggi ha disposto le 11 misure cautelari.

Da sottolineare che l’importante appalto è poi saltato proprio grazie all’indagine. Nel corso dell’inchiesta sono anche emerse altre presunte irregolarità nelle assegnazioni di appalti in altre due regioni, la Calabria e la Puglia: Musella avrebbe beneficiato dell’intermediazione illecita di Oddati anche con Luciano Santoro (ex consigliere provinciale di Taranto) e con Sebastiano Romeo (ex segretario provinciale del Pd di Reggio Calabria) per le ristrutturazioni di ‘Palazzo Carducci’ a Taranto e del complesso scolastico ‘B. Chimirri’ di Catanzaro.

Approfondimenti investigativi, sempre a Pozzuoli, inoltre, per la progettazione e la realizzazione di un parcheggio multipiano: in una intercettazione dell’ottobre 2021, in cui a parlare è Figliolia, l’ex sindaco spiega al suo interlocutore che il parcheggio, per Musella, “è solo una piccola parte di un piano più ampio”. In quel parcheggio, è poi stato accertato da finanzieri e poliziotti, è emerso che erano state assunte dalla società riconducibile a Musella e Della Corte persone segnalate dall’ex primo cittadino.

l’ex sindaco Vincenzo Figliolia

Video della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest