Mugnano, simula impiccagione per postare foto su Fb: grave 13enne

Il ragazzino è stato trasportato presso l’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania dove è attualmente ricoverato in prognosi riservata

Mentre l’adolescente inscena il finto suicidio, utilizzando la cinta di un accappatoio, il cugino scatta le fotografie con uno smartphone. Ma dal gioco si passa brevemente al dramma: il 13enne ha difficoltà a liberare il collo dal cappio e soltanto l’intervento della zia evita la sua morte. Simula un’impiccagione per postare la foto sul suo profilo Facekook, e ora è ricoverato in gravi condizioni. I fatti in casa di alcuni zii del giovane a Mugnano, lo scorso sabato sera. Il ragazzino è trasportato presso l’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania dove è attualmente ricoverato in prognosi riservata. Le sue condizioni di salute sono gravi, ma stazionarie. A indagare sull’episodio i carabinieri.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest