Minacce e persecuzioni ai danni di una minorenne, nei guai 50enne di Cava de’ Tirreni

L’uomo seguiva e infastidiva la giovane da circa un anno. Ora gli è stata vietata la dimora in provincia di Salerno

“Divieto di dimora nella provincia di Salerno” è questa l’ordinanza applicativa di misura cautelare personale applicata dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de’ Tirreni, nella giornata di ieri dei confronti di un 50enne di Cava de’ Tirreni. L’ordinanza è stata emessa dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Nocera Inferiore con l’accusa nei confronti dell’uomo di essere responsabile di atti persecutori, minacce e tentata violenza sessuale ai danni di una minorenne residente nella città metelliana. Le indagini svolte dagli agenti della polizia hanno accertato che l’uomo, tra l’agosto 2018 e lo scorso mese di marzo, con condotte aggressive e minacciose, si era reso responsabile di plurimi atti persecutori nei confronti della ragazzina, che abitava a poca distanza da lui. L’uomo la seguiva all’uscita di casa o della scuola, avvicinandosi per profferire frasi a sfondo sessuale e minacciando anche i genitori che avevano in più occasioni tentato di allontanarlo mentre seguiva la loro figlia. Lo scorso 8 marzo, poi, dopo aver pedinato la minorenne per strada, le si era avvicinato, palpeggiandola. A questo punto la giovane aveva immediatamente allertato la Polizia, attraverso il numero unico di emergenza, consentendo il tempestivo arrivo sul posto di un equipaggio della Volante del Commissariato di Cava de’ Tirreni. Le indagini svolte nell’immediato dai poliziotti venivano riferite all’Autorità Giudiziaria che, ritenendo gravi gli elementi raccolti a carico del 50enne emetteva la misura cautelare diffidando l’uomo ad allontanarsi dalla provincia di Salerno.

Monica De Santis

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest