Il sindaco di Napoli Manfredi apre al governo Meloni e si scontra con De Luca

Vicepresidente della Giunta Fulvio Bonavitacola: “il primo cittadino è un opportunista”

E’ scontro tra la Regione Campania e l’amministrazione comunale di Napoli sui rapporti da tenere con il Governo di Giorgia Meloni

A fronte del durissimo braccio di ferro che il governatore Vincenzo De Luca ha avviato con l’esecutivo, in particolare con il ministro Fitto, per lo sblocco dei fondi di sviluppo e coesione, il sindaco Gaetano Manfredi rinnova da tempo l’invito al “dialogo istituzionale”.

Una posizione criticata dal numero due della Regione, il vicepresidente della Giunta Fulvio Bonavitacola, che oggi ha chiesto a Manfredi di “unire all’appello costruttivo una chiara presa di posizione sulle gravi responsabilità del ministero e del Governo”. “La politica – secondo il braccio destro di De Luca – vive di confronto ma ci sono momenti in cui si determinano inevitabili conflitti, momenti in cui occorre prendere posizioni nette per fare fronte comune contro i nemici della Campania e del Mezzogiorno”.


Un richiamo cui Manfredi ha risposto, confermando la propria linea morbida: “Ogni istituzione deve dialogare con l’altra. Le istituzioni sono di espressione politica diversa ed è naturale che questo avvenga. Ai tempi di Bassolino c’era un Governo di segno opposto e c’è stato un dialogo importante. Noi dobbiamo pensare al bene dei cittadini e della città, non al nostro”.

In serata la dura controreplica di Bonavitacola: “Il sindaco di Napoli continua a rivolgere – senza averne titolo – ridicole lezioni di procedura istituzionale, offendendo il lavoro e la dignità di chi con enorme pazienza e con tenacia cerca di difendere le nostre comunità, offrendo alibi a esponenti di governo che non conoscono il rispetto delle più elementari regole democratiche. Ognuno è libero di adottare i comportamenti che ha la forza e la dignità di sostenere. Ma è assolutamente intollerabile dover ascoltare sermoni che servono solo a nascondere comportamenti opportunistici”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest