Accuse di estorsione, denunciato un 17enne. I dipendenti dell’esercizio minacciati col coltello mentre facevano volantinaggio

NAPOLI – La conferma ai sospetti ieri pomeriggio, quando i militari in borghese della Compagnia di Bagnoli hanno osservato a distanza quanto avveniva in via Diocleziano, nei pressi del centro di prossima apertura. Non erano camorristi venuti a chiedere il pizzo, ma persone legate ad altri esercizi commerciali della stessa catena di distribuzione, situati in altre aree cittadine, quelli che avrebbero voluto impedire l’apertura di un nuovo negozio a Fuorigrotta. Il presunto movente è la concorrenza che avrebbe rappresentato per loro.  Per mettere in atto il piano, avrebbero prima danneggiato tre furgoni del titolare, poi minacciato, armati di coltello, i dipendenti che distribuivano volantini. A bloccarli sono stati i carabinieri, che hanno arrestato tre di loro, denunciando anche un 17enne. Sono accusati di estorsione. I quattro sono stati visti avvicinarsi ai dipendenti per intimargli si interrompere il volantinaggio.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest