“De Luca, no a nuove discariche”: scontri attivisti-forze dell’ordine a Napoli

Protesta contro l’ipotesi di un nuovo invaso regionale. I manifestanti volevano raggiungere la sede del convegno sui fondi Ue con sei governatori e la commissarie europea Cretu a Città della Scienza

Alcune decine di manifestanti dei centri sociali, con striscioni contro l’eventuale realizzazione di discariche, hanno cercato di raggiungere la sede del convegno ma sono stati fermati e respinti con una carica dalle forze dell’ordine presenti. A Napoli scontri all’esterno Città della Scienza, dove era in corso l’incontro “Futuro 2020” con il ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, il commissario Ue, Corina Cretu, e sei governatori del Sud. Gli antagonisti contestano le politiche sui rifiuti del governo nazionale e regionale e rifiutano l’apertura di una nuova discarica in Campania. Gli attivisti sono stati fermati dalla polizia. Il corteo e’ stato allontanato dopo una carica di alleggerimento.

 

I MANIFESTANTI: “UNA RAGAZZA PRESA A CALCI DA UN AGENTE” – Sugli scontro e la carica parla il centro sociale Insurgencia, presente con i suoi attivisti. “Stamattina abbiamo scelto, assieme ai comitati di Chiaiano, di portare la voce di chi è stufo dell’avvelenamento sistematico dei nostri territori fuori la conferenza tenuta dal governatore De Luca che incontrava il Ministro del Sud De Vincenti. Notizia di ieri, l’annuncio dell’apertura di una nuova discarica in Campania di qui a tre anni, che evidenzia la volontà del Pd di continuare a gestire il ciclo dei rifiuti devastando terreni già martoriati. Eravamo venuti per esigere chiarezza sulla tombatura della discarica di Chiaiano nella cava del poligono, i cui lavori sono stati bloccati dalla città metropolitana – afferma il centro sociale -. La risposta autoritaria delle forze dell’ordine, che hanno preso a calci una nostra compagna per aver ripreso con il proprio telefono la violentissima carica di stamattina, è l’ennesimo episodio di barbarie poliziesca dopo lo sgombero di ieri sera a Bologna”.

 

 

(Video Insurgencia/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest