Coroglio, il comitato anti espropri chiama a raccolta tutta Bagnoli: via alla petizione

Riunione alla presenza del vice sindaco Del Giudice e dell’assessore Fucito: confermata la strada dei vincoli storico-paesaggistici per opporsi agli abbattimenti del commissariato

Sono decisi a non mollare, per evitare le ruspe nell’antico borgo. E a coinvolgere gli abitanti di Bagnoli nella lotta contro gli espropri a Coroglio. Il comitato dei residenti è tornato a riunirsi oggi, alla presenza del vice sindaco Del Giudice e dell’assessore Fucito. Alcuni cittadini confermano la voce che tecnici delle Regione siano stati nell’area per verificare i profili storici e paesaggistici del borgo. Un passo compiuto d’intesa con Invitalia, soggetto attuatore del piano varato dal commissariato di governo. Chi vuole abbattere Coroglio deve evitare la trappola dei vincoli. Proprio la strada che invece i residenti vogliono percorrere, per opporsi al progetto. Il comitato intanto promuoverà una petizione per arrivare ad un’azione unitaria di tutti gli abitanti di Bagnoli: lo storico borgo di pescatori è un patrimonio non solo per il migliaio di persone che ci vive.

Gianmaria Roberti

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest