Casaluce, Tar accoglie ricorso contro il Comune: il cimitero si farà

Accolte le ragioni del consorzio Fenix, unico partecipante al bando pubblico, contro l’annullamento deciso dall’amministrazione commissariata

Appalto per la realizzazione e l’ampliamento del cimitero di Casaluce, il Tar Campania annulla l’annullamento della gara, operato dal Comune casertano. Non è un gioco di parole, ma la pronuncia definitiva, dopo un lungo iter di carte bollate. A vincere il ricorso il consorzio Fenix – difeso dagli avvocati Mario Caliendo, Antonio Melucci, Eleonora Caterina Tamburini -, prossimo affidatario dell’appalto, in quanto unico partecipante al bando. A distanza di anni, e fuori tempo massimo per il Tar, il Comune aveva annullato la gara per la “Concessione della progettazione ed esecuzione, direzione dei lavori, contabilità, conto finale, realizzazione e gestione dell’ampliamento del cimitero comunale da realizzarsi in project financing”. Una gara dal valore di 3.2 milioni di euro. Il Comune commissariato riteneva Asmel, centrale di committenza, non idonea a gestire la procedura. Una decisione contrastata da Fenix, cui il Tar dà ragione. La gara, quindi, prosegue, destinata all’aggiudicazione al consorzio. La sentenza della prima sezione porta la data di pubblicazione del 25 maggio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest