Camorra, 46 misure cautelari nel clan dei Casalesi: racket e gioco online nel mirino

I provvedimenti sono stati eseguiti nelle prime ore della mattina in sette province

Il gruppo criminale, dedito tra le altre cose alle estorsioni e alla gestione del gioco online, operava nei comuni dell’Agro Aversano ed è riconducibile alla fazione Schiavone-Venosa del clan dei Casalesi. I carabinieri della compagnia di Casal di Principe hanno eseguito 46 misure cautelari nei confronti di indagati ritenuti membri del clan dei Casalesi e sospettati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, ricettazione, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, intestazione fittizia di beni, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi. I provvedimenti sono stati eseguiti nelle prime ore della mattina in sette province: Caserta, Napoli, Benevento, Viterbo, Parma, Cosenza e Catanzaro. Le misure cautelari sono state emesse dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. I dettagli dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa in programma alle 11 nella sede della Procura di Napoli.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest