Bagnoli, la questura dà l’ok al corteo di Roma

La manifestazione arriverà sotto Palazzo Chigi per chiedere di consegnare alla presidenza del consiglio un documento che chiede il ritiro del commissario

La Questura di Roma ha autorizzato la manifestazione e un mini corteo contro il commissariamento di Bagnoli. Un accordo, un vero e proprio patto di collaborazione istituzionale e il rispetto delle norme è stato raggiunto tra i comitati promotori ed il Questore della Capitale. I rappresentanti dei comitati hanno garantito lo svolgimento pacifico e si sono impegnati ad osservare tutte le regole riguardanti l’ordine pubblico e rispettare le forze di polizia. Nelle prossime ore saranno definite le modalità organizzative nel corso di una riunione operativa alla quale parteciperanno alcuni promotori e funzionari della Digos. Secondo il “patto”, nella giornata di Venerdì si svolgerà un breve corteo che si concluderà con un’assemblea davanti Palazzo Montecitorio. Una delegazione si recherà a Palazzo Chigi per consegnare un documento alla presidenza del consiglio. Stando ad alcune indiscrezioni trapelate dai palazzi romani, la mediazione tra le forze dell’ordine ed i comitati grazie all’intervento di gruppi parlamentari dell’opposizione e a seguito di un fitto scambio di telefonate tra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ed il Ministero dell’Interno. Il primo cittadino ha confermato la sua partecipazione alla manifestazione. Dunque, sono prevalso buonsenso e senso di responsabilità da parte di tutti. “Grazie alla determinazione ed iniziative dei comitati e dell’assemblea popolare di Bagnoli Libera che in questi giorni ha spinto affinché tutti prendessero parola rispetto alle restrizioni della Questura di Roma siamo riusciti ad ottenere che la comunità in lotta di Napoli e di Bagnoli arriverà per il centro di Roma con un pezzo di corteo ed entrare in Piazza Montecitorio – spiegano con una nota i comitati – Arriveremo poi in delegazione a Palazzo Chigi cosi’ come avevamo annunciato da tempo. Un altro passo importante e significativo verso il vero obiettivo: riprendersi il potere decisionale sui nostri territori, ritirare il commissariamento straordinario, far pagare chi ha inquinato, per sbloccare davvero Bagnoli”. L’appuntamento è Venerdì prossimo alle 14 a Piazza Montecitorio.

Ciro Crescentini

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest