Avellino,Montefalcione: sequestrato un cantiere, lavoratori in nero

Azioni e controlli dei Carabinieri contro lo sfruttamento e le illegalità

Proseguono le azioni e i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per contrastare il lavoro irregolare, nero e reprimere le violazioni   in materia di sicurezza sui luoghi del lavoro, ancora troppo spesso teatri di incidenti mortali. Spesso, la sicurezza viene considerata da alcuni imprenditori un optional,  un “costo eccessivo”. Comportamenti irresponsabili.  Negli ultimi giorni, i  Carabinieri della Stazione di Montefalcione, unitamente agli ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro di Avellino, hanno proceduto al controllo di vari cantieri edili. Nell’occhio del ciclone sono finiti i  lavori per la manutenzione del campo sportivo di Montefalcione, appalto affidato ad un’impresa del luogo, il cui amministratore è stato denunciato in stato di libertà perché ritenuto responsabile di violazioni in materia di sicurezza e per aver impiegato quattro operai privi di regolare assunzione, su 5 presenti sul luogo di lavoro. Nel corso del sopralluogo,  i militari hanno contestato prescrizioni e sanzioni amministrative per un importo complessivo di 23 mila euro e hanno adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale poiché impiegava lavoratori privi di regolare assunzione in misura superiore alla soglia del venti per cento del totale delle rispettive maestranze fissata dalla normativa vigente

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest