Alloggi alla Reggia di Caserta senza titolo, ipotesi danno da 1,2 milioni: 4 inviti a dedurre

I provvedimenti notificati al Soprintendente e a tre dirigenti dell’Agenzia del Demanio. Gli appartamenti concessi adex dipendenti e loro parenti a canoni molto bassi

L’inchiesta riguarda 15 alloggi nel complesso vanvitelliano che per il procuratore regionale Tommaso Cottone sono stati occupati senza titolo da ex dipendenti o loro parenti pagando un canone mensile molto al di sotto del valore di mercato degli affitti di appartamenti. Circostanza aggravata dal fatto che queste abitazioni erano all’interno della reggia, patrimonio dell’umanità per l’Unesco. La guardia di finanza di Caserta, su delega della Procura della Corte dei Conti della Campania, ha notificato quattro inviti a dedurre all’ex soprintendente della Soprintendenza di Caserta, Paola Raffaella David, e a tre dirigenti dell’Agenzia del Demanio della Campania. Secondo i magistrati il danno erariale ammonta a 1,2 milioni di euro. Chi abitava in quelle case ha anche fruito di parcheggi e spazi interni al parco o al monumento, ma pagava fitti da 3 a 145 euro al mese. I consumi idrici erano a carico della Soprintendenza che non ha mai chiesto ai privati alcun rimborso. Su questi casi è aperta un’indagine penale della Procura di Santa Maria Capua Vetere.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest