Turbativa d’asta, l’ex campione Cuccureddu indagato col vicesindaco di Alghero

Al centro dell’inchiesta una gara per l’assegnazione della gestione, per sei anni, di un impianto sportivo

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la gara sarebbe stata pilotata fa favore della associazione polisportiva Apd 1969 dell’ex calciatore su “pressione” del politico. Sono indagati il vicesindaco di Alghero, Antonello Usai (finito ai domiciliari), e l’ex campione della Juventus, Antonello Cuccureddu (colpito da divieto di dimora, non arrestato come comunicato in precedenza). Le accuse sono di induzione indebita a dare o promettere utilità, turbativa d’asta, falso ideologico e materiale commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici.

I provvedimenti, firmati dal gip di Sassari su richiesta della locale Procura, sono stati eseguiti dal Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Sassari e riguardano un’inchiesta sulla gara d’appalto del comune di Alghero per l’assegnazione della gestione, per sei anni, dell’impianto sportivo di Maria Pia. In totale sono cinque le misure cautelari eseguite stamane, oltre ai tre arresti domiciliari, ci sono anche due obblighi di dimora. Fra i cinque indagati ci sono anche i sono anche due funzionari del comune, Giansalvo Mulas, dirigente del settore Sport, e Giovanni Chessa, presidente e segretario della commissione di gara per gli impianti sportivi di Maria Pia.

Cuccureddu, classe 1949, ha giocato con la Juventus dal 1969 per dodici stagioni vincendo sei scudetti e una coppa Uefa.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest