Terremoto Centro Italia, migliaia di sfollati. Oltre 200 repliche

Nella notte sciame sismico e forti piogge sulle zone colpite

Il Centro Italia trema ancora e quella trascorsa è stata una notte di paura dopo le tre forti scosse di terremoto di ieri.  Una situazione complicata dalla pioggia battente che si sta abbattendo sulle zone colpite, tra Marche e Umbria. Registrate oltre 200 repliche dello sciame sismico, l’ultima di magnitudo 4.4 alle 10,21. Più di 30 quelle di magnitudo pari o superiore a 3. E intanto si contano i danni. ”Abbiamo qualcosa come due o tremila sfollati – afferma la protezione civile marchigiana – e molte più abitazioni inagibili di quelle censite dopo il sisma del 24 agosto”. Sono state più di 30 quelle di magnitudo pari o superiore a 3.

 

 

LE SCOSSE CHE HANNO RIACCESO L’INCUBO – Ieri sono state tre le scosse più significative, che hanno risucchiato il centro Italia nell’incubo dello scorso 24 agosto. Alle 19,11 la prima, di magnitudo 5.4 della scala Richter, a 9 chilometri di profondità, con epicentro nella provincia di Macerata, tra Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita, e Preci. Ma è stata avvertita anche a Roma, L’Aquila, Perugia, e Terni. Alle 21,18, la seconda, ancora più forte, di magnitudo 5.9. Poi, ancora, alle 23,42: questa volta la potenza è stata 4.6.

 

 

BILANCIO: UN FERITO ED UN ANZIANO DECEDUTO PER INFARTO – Il terremoto ha fatto una vittima indiretta: un anziano colto da infarto a Tolentino. Per il resto, sono stati registrati crolli in molte zone, ma il bilancio è di un solo ferito a Visso.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest