NAPOLI – Dopo la Luna piena del 2 luglio, stanotte il fenomeno si ripeterà per la seconda volta nello stesso mese e questa volta sarà Luna Blu. Che si verifichi due volte in un mese il fenomeno della Luna piena è possibile perché il nostro satellite impiega 29,5 giorni a ritornare nella stessa fase. Dunque non è un fenomeno raro. L’ultima volta che c’è stata due volte Luna piena nello stesso mese è accaduto ad agosto 2012, mentre per rivedere lo stesso processo si dovrà aspettare gennaio 2018 oppure, per osservarlo ancora nel mese di luglio, dovremo attendere il 2034. Complesso e leggendario è invece il perché si chiama Luna Blu. Antichi detti e leggende si rincorrono, ma il nostro satellite sarà davvero Blu il 31 notte? Forse, ma ecco cosa spiega Nasa Science. Se si dicesse ad uomo dell’epoca di Shakespeare “una volta con la Luna Blu”, spiega Nasa Science, questa persona non penserebbe affatto ad un fenomeno astronomico, bensì a qualcosa di raro e assurdo. Eppure, da allora il significato è cambiato. Nel Maine Farmer Almanacco, l’almanacco degli agricoltori americani, nel 1940 si cercò di dare una spiegazione, un po’ contorta, alla definizione di Luna Blu, «così contorta -spiegano gli esperti di Nasa Science- che gli astronomi non capirono nulla». Furono tirate in ballo date cristiane come Pasqua e Quaresima o misteriosi anni tropicali.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest