Salerno: Recuperati circa 500mila euro evasi dall’imposta di soggiorno

Pugno di ferro del Comune di Salerno. Stamane analizzati i primi dati ufficiali

Si stanno svolgendo dalla metà del trascorso mese di Agosto presso alberghi, b&B, affittacamere, case vacanze e strutture ricettive in genere una serie di controlli mirati a verificare, tra l’altro, il regolare pagamento dell’imposta di soggiorno. Ad effettuare questi controlli è una task force della Polizia Municipale, coordinata dal capitano Mario Elia. Stamane, alla presenza del Sindaco Napoli e dell’assessore Loffredo sono stati analizzati i primi dati ufficiali. La prima fase di verifiche, attraverso l’analisi di registri presenze e contabilità, ha permesso di accertare e recuperare già circa 500mila euro di mancati versamenti da parte dei gestori responsabili delle strutture ricettive cittadine. I controlli proseguono a tappeto per prevenire e stroncare un fenomeno che a Salerno, come in altre località a vocazione turistica, è in crescita. “Il nostro intento – dichiara l’assessore Dario Loffredo – è quello di garantire la regolarità dei versamenti per tutelare gli operatori in regola ed introitare risorse preziose che possono esser utilmente investite per migliorare i servizi di accoglienza (parcheggi, segnaletica, videosorveglianza, info point, etc.) favorendo, così, ulteriormente, la crescita del comparto turistico e delle presenze in città”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest