Roma, uccide la compagna e si costituisce

L’uomo avrebbe fracassato il cranio della vittima colpendola ripetutamente con un peso da palestra

Sul corpo sono state riscontrate ferite alla testa provocate da un corpo contundente. Omicidio in un appartamento nel centro di Roma. Una donna, Michela Di Pompeo, 47 anni, è stata trovata morta, riversa sul letto, in un’abitazione di vicolo del Babuino. A dare l’allarme il compagno, Francesco Carrieri, un 55enne italiano incensurato, che poco prima delle 6 si è presentato a una caserma dei carabinieri, confessando. L’uomo è in stato di fermo. Sono intervenuti i carabinieri della compagnia Roma centro e del Nucleo radiomobile.  L’uomo avrebbe fracassato il cranio della vittima colpendola ripetutamente con un peso da palestra. La coppia aveva figli da precedenti matrimoni. Lui, dirigente di una banca a Roma, è padre di due figlie e altrettanti ne aveva la vittima, che lavorava come insegnante.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest