Peculato, il viceministro Rixi condannato a 3 anni e 5 mesi: si dimette

L’esponente leghista ritenuto colpevole in primo grado per le “spese pazze” alla Regione Liguria. Salvini: “Incredibile che spacciatori siano liberi e parlamentari condannati senza prove”

Spese pazze alla Regione Liguria, arriva la condanna per il viceministro al mit Edoardo Rixi, subito dimissionario. All’esponente della Lega sono inflitti 3 anni e 5 mesi in primo grado, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. La pronuncia è del giudice Giuseppe Dagnino della seconda sezione penale del Tribunale di Genova. Per Rixi, accusato di peculato e falso, il pm Francesco Pinto aveva chiesto la condanna a 3 anni e 4 mesi. “Sono tranquillo – dichiara l’imputato-. Ho sempre agito per il bene degli italiani. Conto sull’assoluzione perché non ho mai commesso alcun reato, ma per l’amore che provo per l’Italia e per non creare problemi al governo ho già consegnato nelle mani di Matteo Salvini le mie dimissioni”. Furibondo il leader leghista. “Io rispetto le sentenze e – dice Salvini – conto su una assoluzione a fine processo, ma trovo incredibile che ci siano spacciatori a piede libero, e sindaci, amministratori e parlamentari accusati o condannati senza uno straccio di prova”.

(Foto Edoardo Rixi/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest