In Puglia il privilegio è stato abolito ma tra i diritti maturati fino al 31 dicembre 2012 c’è quello di Vendola

BARI – Alla Regione Puglia il vitalizio è stato abolito a partire dal primo gennaio del 2013, ma senza toccare le posizioni maturate fino al 31 dicembre 2012 (ci sarebbe stata una pioggia di ricorsi per i diritti quesiti). Tra quelli che hanno fatto salva la super pensione, prima della tagliola, c’è anche lui. Nichi Vendola, governatore – e perciò consigliere – dal maggio del 2005 al luglio 2015. Dal primo settembre il 57enne leader di Sel percepisce, almeno sulla carta, un assegno mensile di 5.618 euro lordi, avendo maturato sette anni e mezzo di contributi fino al momento dell’abolizione dei vitalizi. Vendola ha versato i soldi per arrivare a otto anni di contributi, che consentono un anticipo di tre anni rispetto alla soglia ordinaria (60 anni).

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest