Migranti, accordo raggiunto: saranno accolti in 8 Paesi

Collocate anche le 249 persone soccorse a fine dicembre

I 49 migranti a bordo delle navi delle due Ong Sea Watch e Sea Eye potranno sbarcare a Malta: 8 stati membri dell’Ue hanno accettato “di accoglierli tutti”. Ad annunciarlo è stato il premier maltese Joseph Muscat, precisando che gli otto paesi sono Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania Lussemburgo, Olanda e Italia.Quanto ai 249 migranti che Malta ha soccorso alla fine di dicembre, 131 verranno ridislocati in altri paesi Ue e 44, provenienti dal Bangladesh, verranno rimpatriati, ha aggiunto il premier maltese.

“Ringraziamo Jean-Claude Juncker, Dimitris Avramopoulos e Martin Selmayr per l’importante aiuto nel trovare una soluzione per Sea Watch 3 e per il trasferimento dei migranti salvati da Malta” – ha sottolineato il premier della Valletta, Joseph Muscat. A breve i naufraghi a bordo delle navi delle ong Sea Watch e Sea Eye saranno trasbordati su mezzi militari maltesi e portati a terra per poi essere redistribuiti tra otto Paesi europei.

Sono molto lieto che i nostri sforzi alla fine” abbiano dati frutti e “tutte le persone” a bordo delle navi Sea Watch 3 e Sea Eye “stanno sbarcando ora. Lodo Malta, il più piccolo Stato europeo, che ha espresso la solidarietà più grande:
capisco quanto sia difficile per un’isola così piccola gestire una situazione simile. Germania, Francia, Portogallo, Malta, Lussemburgo, Olanda, Italia, Romania e Irlanda hanno tutti mostrato solidarietà nel modo più concreto” – ha dichiarato il commissario europeo alle Migrazioni Dimitris Avramopoulos, a Bruxelles.

Ieri Germania e Olanda hanno aumentato la loro disponibilità a 50 migranti a testa. L’Italia ne prenderebbe una quindicina di persone e altri quattro Paesi hanno acconsentito a prendere piccoli gruppi. Gli altri Paesi che hanno dato la disponibilità sono Francia, Portogallo, Irlanda, Romania e Lussemburgo.

Dura reazione di Matteo Salvini   – “Mentre col premier e col ministro dell`Interno polacco parliamo di protezione delle frontiere esterne dell`Europa e di sicurezza, leggo che a Bruxelles fanno finta di non capire e agevolano il lavoro di scafisti e Ong. Sono e rimarrò assolutamente contrario a nuovi arrivi in italia. E  continuo a lavorare per espellere i troppi clandestini già presenti sul nostro territorio. Cedere alle pressioni e alle minacce dell`Europa e delle Ong è un segnale di debolezza che gli italiani non meritano”.  E’ stato duro il commento del  ministro dell`Interno Matteo Salvini,vicepremier e leader della Lega, durante una conferenza stampa a Varsavia con il suo omologo polacco Joachim Brudziski, sull’accordo per lo sbarco a Malta dei migranti. Salvini ha poi aggiunto che la sicurezza va “garantita non aiutando scafisti e Ong complici ma sostenendo il diritto dei cittadini a difendere i loro confini, e chi cede a ricatti non fa un buon servizio alla sicurezza dei cittadini italiani ed europei”.

 

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest