Europee, alle 12 affluenza del 15,9%: si vota fino alle 23

Il dato del Viminale è in linea con quello del 2014 (16,0%). Guida al voto: 51 milioni di cittadini chiamati a scegliere i 73 europarlamentari italiani, destinati a diventare 76 dopo Brexit. Alle urne anche per le amministrative in 3.800 Comuni e per le Regionali in Piemonte

Elezioni europee, alle 12 – secondo i primi dati (circa metà delle sezioni su 7.915)  – l’affluenza è del 15,92% degli aventi diritto. Un dato in linea con le precedenti elezioni del 2014 (16,01%). Lo rende noto il sito del ministero dell’Interno. Cinque anni fa, l’affluenza finale fu del 58,6%. Urne aperte alle 7, si vota fino alle 23. Sono 51 milioni i cittadini chiamati alle urne, come quelli degli altri 28 paesi membri dell’Unione Europea. Il sistema elettorale è un proporzionale con sbarramento al 4%. All’Italia spettano 73 seggi, destinati a diventare 76 ultimata l’uscita del Regno Unito dall’Ue. La ripartizione dei 73 seggi per le europee del 2014 prevedeva che 20 spettassero alla circoscrizione nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia); 14 a quella nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna); 14 a quella centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio); 17 a quella meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria) e 8 alle isole (Sicilia e Sardegna). Seggi aperti anche per le amministrative in 3.800 Comuni, di cui 27 capoluogo di provincia. in Piemonte si vota pure per la Regione.

 

 

COME SI VOTA. Per votare è necessario portare con sé un documento di identità e la tessera elettorale. Al seggio si riceve una scheda, di colore diverso a seconda della propria circoscrizione elettorale:

– grigio, per l’Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia)

– marrone, per l’Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna)

– rosso, per l’Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio)

– arancione, per l’Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria)

– rosa, per l’Italia insulare (Sicilia, Sardegna)

Ciascun elettore può esprimere il suo voto di lista tracciando una X nel box corrispondente alla lista scelta. Si possono anche esprimere da uno a tre voti di preferenza, per i candidati della lista prescelta. In caso di più preferenze, queste devono essere assegnate a candidati di sesso opposto, pena l’annullamento. Il voto di preferenza si esprime scrivendo il nome e il cognome o solo il cognome dei candidati nelle righe tracciate accanto al box della lista.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest