Epu-Rai, via anche Luca Mercalli: “Parlai dei No Tav e fui attaccato dai renziani”

Cancellato Scala Mercalli, ultimo caso dopo l’addio della conduttrice radio Francesca Fornario e la cacciata di Bianca Berlinguer

Può bastare parlare dei No Tav per essere l’ultima vittima di Epu-Rai, la tv di Stato ai tempi del renzismo? Sì, secondo il climatologo Luca Mercalli. Non usa giri di parole in un’intervista al sito dell’Espresso, il conduttore del programma di Rai tre Scala Mercalli. “Abbiamo trattato argomenti che sono scomodi per qualsiasi governo, e il governo Renzi non fa certo eccezione. Basterebbe dire che siamo andati contro le trivelle e le grandi opere, e a favore di un’agricoltura sostenibile”. Temi scivolosi, al punto che il senatore renziano Stefano Esposito presentò un’interrogazione in Commissione di Vigilanza Rai contro i “22 minuti di propaganda ai No Tav”. Una reazione che Mercalli ritiene abbia pesato nella cancellazione del programma. Solo l’ultimo caso della stagione inaugurata dall’epurazione dei direttori tg Marcello Masi e Bianca Berlinguer, proseguita con la chiusura di Seiunozero, la trasmissione del duo Lillo & Greg in onda su Radio Rai, ed approdata alle dimissioni di Francesca Fornario, che ha lasciato la sua trasmissione radiofonica, dopo aver denunciato, tra le altre cose, il divieto di fare battute su Renzi. Ma ormai c’è poco da ridere.

(Foto Luca Mercalli/Fb)

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest