Caso Gregoretti, Salvini prosciolto

Il gup di Catania sancisce il non luogo a procedere perché “il fatto non sussiste”

“La giornata di oggi rende giustizia” commenta il capo leghista. Matteo Salvini prosciolto per il caso Gregoretti. Il non luogo a procedere “perché il fatto non sussiste”. Nell’aula bunker di Bicocca a Catania, il gup Nunzio Sarpietro ha stabilito che l’operato del leader della Lega è stata una legittima conseguenza di insindacabili scelte politiche e pertanto non costituisce reato. Durata della camera di consiglio: 90 minuti.

Secondo il giudice non ci sono dunque gli elementi per processare l’ex ministro dell’Interno, e rispondere del reato di sequestro di persona per aver tenuto bloccati nel porto di Augusta, tra il 27 e il 31 luglio 2019, 131 migranti sulla nave Gregoretti della Guardia costiera italiana.

La stessa procura etnea, guidata da Carmelo Zuccaro, aveva chiesto il non luogo a procedere. Ora il gup avrà 30 giorni di tempo per depositare l’ordinanza motivando la sua decisione. La decisione del giudice dell’udienza preliminare è arrivata al termine di una articolata istruttoria.

Il gup per acquisire tutte le informazioni utili ai fini della decisione nei mesi scorsi aveva chiamato a testimoniare l’ex premier Giuseppe Conte, gli ex ministri Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli e l’attuale ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e degli Esteri Luigi Di Maio. Stamane, a margine della Camera di consiglio Salvini ha ribadito le sue posizioni: “L’Italia faccia come gli altri Paesi, difenda i suoi confini. Non possiamo essere il campo profughi d’Europa nell’estate della ripresa post-Covid”.

Quanto al processo di Palermo, sul mancato sbarco dalla Open Arms, che inizierà il 15 settembre per sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio “sono assolutamente tranquillo – sottolinea Salvini – perché se non esiste sequestro a Catania, non vedo perché debba esistere a Palermo. Nulla è scontato, ma questo giudice ha approfondito, ha studiato e lavorato e si è preso le sue responsabilità, altri prendono evidentemente vie più comode. La giornata di oggi rende giustizia”. 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest