Campania: consiglieri M5S si tagliano gli stipendi per progetti scolastici

27 gli istituti premiati per il progetto “Facciamo Scuola”

Sono state premiate oggi le 27 scuole vincitrici del bando finanziato da un gruppo di consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, che si sono tagliati gli stipendi per mettere in atto “Facciamo scuola”. Quasi 269mila euro è la somma che è stata devoluta da sette politici pentastellati e ricavati dal taglio degli stipendi, 162 le scuole partecipanti, 27, come detto i vincitori. Numeri che segnano il successo di “Facciamo Scuola” che ha visto questa mattina nel corso della conferenza-evento nei locali dell’Hart, in via Crispi a Napoli, la premiazione finale. Sul palco, con i consiglieri regionali Gennaro Saiello, Valeria Ciarambino, Tommaso Malerba, Michele Cammarano, Maria Muscarà, Vincenzo Viglione e Luigi Cirillo, sono saliti dirigenti scolastici, docenti e alunni che hanno illustrato le finalità dei progetti vincitori, votati dai cittadini sulla piattaforma Rousseau. Con 162 progetti presentati, la Campania è prima in Italia per numero di istituti che hanno preso parte al bando. “Oggi – hanno dichiarato sul palco i consiglieri del gruppo regionale M5S – è uno di quei giorni in cui siamo particolarmente fieri di essere portavoce nelle istituzioni. In tre anni e mezzo in Campania abbiamo restituito 570mila euro, 37 i milioni complessivamente restituiti a livello nazionale da parlamentari e consiglieri regionali, che diventano 90 se consideriamo la rinuncia ai cosiddetti rimborsi elettorali. Immaginiamo cosa si potrebbe fare se questa rinuncia volontaria divenisse legge in questo paese. Ed è questo uno dei principali obiettivi per cui continuiamo a batterci”. “L’iniziativa Facciamo Scuola – hanno sottolineato gli esponenti del Gruppo M5S a margine dell’evento – ha coinvolto una decina di regioni in tutta Italia in cui siamo presenti come Movimento 5 Stelle, con una donazione complessiva alle scuole di oltre un milione di euro. Investire sulla scuola è fondamentale ovunque, ma lo è ancor più in Campania. La nostra iniziativa è il primo passo di un percorso per costruire in Campania e in Italia una scuola di eccellenza”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest