Bancarotta, Verdini condannato a 4 anni e 4 mesi

Per l’ex senatore terza pronuncia sfavorevole, di cui due in primo grado ed una in appello. Il processo riguarda i rapporti fra l’ex Credito cooperativo fiorentino, di cui il politico era presidente, e le imprese edili di Ignazio e Marco Arnone

Nuova condanna per Denis Verdini. Il tribunale di Firenze ha condannato l’ex senatore a 4 anni e 4 mesi per bancarotta preferenziale, in un processo sui rapporti fra l’ex Credito cooperativo fiorentino – banca di cui Verdini era presidente, fallita nel 2010 – e le imprese edili di Ignazio e Marco Arnone, padre e figlio, anche loro condannati. Arnone sr a 3 anni e 4 mesi, Arnone jr a 2 e 4 mesi. Il processo riguarda operazioni fra la banca e le imprese che avevano rapporti con l’istituto da cui ottennero lavori edili, i cui proventi vennero stornati per ridurre l’esposizione debitoria. Per il pm Luca Turco, i lavori edili che la ditta Cdm fece alla filiale di Firenze dell’ex Ccf, nel viale Belfiore, furono lo scenario di un’operazione di bancarotta “studiata a tavolino”.  “I lavori – ha invece detto Verdini in una dichiarazione spontanea – furono reali e vennero pagati dalla banca”. Per l’accusa, viceversa, l’operazione “è stata ideata dentro il Ccf e ha conseguenze sfavorevoli per gli Arnone, i quali subiscono le decisioni di Verdini, e anche le accettano. C’è una loro totale subordinazione che viola la par condicio creditorum facendo recuperare alla banca 740.000 euro con azioni dolose”.
Per l’ex senatore di Fi e Ala è la terza condanna inflitta dal Tribunale di Firenze. La più pesante, a sei anni e dieci mesi (in appello) è quella per la bancarotta del Credito Cooperativo Fiorentino. C’è poi la condanna a cinque anni e mezzo (in primo grado) per il crac della Ste, la società che editrice, tra gli altri, di “Il Giornale della Toscana”. Nel processo per la cosiddetta ‘cricca’, in cui Verdini era accusato di corruzione relativamente alla costruzione della Scuola Marescialli di Firenze, è invece intervenuta la prescrizione.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest