Salerno, i Demoni divisi in frammenti

Tre diverse location, per tre date consecutive, per il progetto di Alessandra Crocco e Alessandro Miele tratto dal romanzo di Dostoevskij

Vincenzo Albano, con la sua seconda stagione Mutaverso Teatro e con “Progetto Demoni”, di e con Alessandra Crocco e Alessandro Miele, ci conduce attraverso una fruizione insolita del teatro, che avverrà in luoghi suggestivi della città di Salerno. Tre diverse location, per tre date consecutive, di uno spettacolo diviso in tre diversi frammenti, dal romanzo “I Demoni” di Dostoevskij, ognuno dei quali è fruibile singolarmente da 1 spettatore per volta (i primi due, che saranno presentati anche in lingua inglese e francese) e 10 spettatori per volta, (il terzo frammento).  il 5 maggio, presso Casa Santangelo: “Demoni – Mariija” (primo frammento) – 1 spettatore alla volta; 6 maggio, presso Palazzo Conforti: “Demoni-Liza” (secondo frammento) – 1 spettatore alla volta; 7 maggio, presso la Chiesa di Santa Apollonia: “Demoni Stavrogin” (terzo frammento) – per 10 spettatori alla volta.

In pochi minuti si dissolvono le linee di confine (attore/personaggio, spettatore/personaggio, realtà/finzione) per permettere allo spettatore di vivere, in un presente sospeso, un incontro capace di lasciare il segno: “Sospendete la vostra incredulità, mettete in stand-by il mondo intero ed entrate. I frammenti sono echi nostalgici di un romanzo finito da tempo. Pezzi di una storia tradita lo stretto necessario. Momenti ‘in cui a un tratto, come nel fuoco di una lente, si concentra tutta l’essenza della vita: tutto il passato, tutto il presente e, magari, tutto l’avvenire’. La sfida è superare la propria menzogna, arrivare al cuore, afferrare e mostrare qualcosa di sfuggente ma vivo. Il fuoco è sui personaggi, schiacciati per metà sotto il peso di un’idea, continuamente divorati da un demone. Dostoevskij è la guida”. Per Alessandra Crocco è un ritorno a Salerno, dove ha iniziato la sua formazione teatrale con Claudio Di Palma e Ruggero Cappuccio, prima di trasferirsi a Milano per frequentare la Scuola del Teatro Arsenale diretta da Kuniaki Ida e Marina Spreafico. Ha seguito seminari con diversi maestri tra cui Leo De Berardinis, Elena Bucci, Marco Martinelli, Marco Baliani e Claudio Morganti. Alessandro Miele, dopo la scuola di mimo corporeo diretta da Michele Monetta, ha partecipato al corso di formazione “Epidemie” con il Teatro delle Albe e alla creazione dello spettacolo Salmagundi per la regia di Marco Martinelli. Ha seguito seminari diretti da Ermanna Montanari, Fiorenza Menni, Marco Martinelli, Marise Flach, Riccardo Caporossi, Roberto Latini, Roberto Bacci e Claudio Morganti. Si ringraziano Mimma Genzano (Salernoportodamare b&b) e Salvatore Conforti (Palazzo Conforti b&b).

 

Frammento 1 – Marija (1 spettatore – durata 7 minuti)
CASA SANTANGELO (Via G. Da Procida 41, Salerno)
5 maggio 2017 (dalle ore 17.00 alle ore 01.00)

Frammento 2 – Liza (1 spettatore – durata 9 minuti)
PALAZZO CONFORTI (Via Tasso 56, Salerno)
6 maggio 2017 (dalle ore 17.00 alle ore 01.00)

Frammento 3 – Stavrogin (10 spettatori – durata 10 minuti)
CHIESA DI SANTA APOLLONIA (Via San Benedetto, Salerno)
7 maggio 2017 (dalle ore 21.00 alle ore 24.00)

Ingresso singolo Frammento € 5,00.
Ingresso completo ai 3 frammenti € 12,00
Info e prenotazioni: info@erreteatro.it | 348 0741007

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest