Na speranza nfunno ‘o mare

La poesia di Anna Gentile

So vvoce mmiez’ ô mare
ca vanno ‘ncerca ‘e nu suspiro,
‘o viaggio è ttriste
pe’ chest’amara ggiuventù.
Cu’ ll’uocchie chiuse s’assettano a ttavulino tutt’ ‘e puliticante
fanno jacuvelle a destra e a mmanca…
e senza scuorno nfaccia,
se fanno pure na raggione
scurdannese ’e diritti ’e ll’umanità.
So’perle ‘e saggezza quann’hanno arraggiunà
sta maneca ‘e fetiente,
e danno ’a sentenza a cchi a casa nun po cchiù turnà.
Qual è ’a cundanna?
Hanno avuto ’a malaciorta ’e nascere int’’a na terra nfama
e vuje c’appartenite a chesta granda civiltà,
c’avite luvato ’a speranza e pure ’a dignità.
’O viaggio d’o surriso è ffernuto cca,
volano luntano ‘e suonno d’ ‘e criature
pecché addo nun ce sta ammore’,
a vita nun se po’ salvà.


Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest