Montepulciano, polizia evita scontri tra tifosi napoletani e milanista. Arrestato ultrà rossonero

Il fermato è autore di un duplice tentativo di accoltellamento

Tutto è avvenuto intorno alle 5. Nell’area di servizio, dove era presente personale del commissariato di Chiusi-Chianciano Terme, si sono incrociati circa un centinaio di supporter del Milan e una quindicina di napoletani, con i primi che si sono avvicinati con il chiaro intento di uno scontro. Scontri evitati tra tifosi milanisti e napoletani, di ritorno dalle rispettive trasferte a Crotone e Milano, nell’area di servizio Montepulciano Est, in provincia di Siena, sulla A1, grazie al tempestivo intervento della polizia, che aveva organizzato un apposito servizio. Successivamente la Polizia di Stato ha arrestato a Milano un tifoso milanista con precedenti di polizia, in riferimento ai fatti accaduti all’alba di questa mattina presso l’area di servizio autostradale Montepulciano Est. La visione delle immagini a circuito chiuso e le dichiarazioni raccolte dagli agenti di polizia hanno permesso di identificare il tifoso rossonero quale l’autore di un duplice tentativo di accoltellamento ai danni di un supporter napoletano all’interno del bar dell’area di servizio. L’ultras milanista della Curva Sud è stato arrestato dalla Digos di Milano nonostante avesse gettato il coltello e avesse cambiato pantaloni e felpa per fuggire al riconoscimento da parte della Polizia. Due gli agenti rimasti leggermente contusi a causa del lancio di sassi.  I poliziotti hanno infatti impedito il contatto frapponendosi tra le due tifoserie. Durante questo tentativo “di aggressione gli ultras hanno acceso fumogeni e lanciato sassi, che hanno raggiunto gli agenti, senza impattare sui tifosi. I milanisti sono poi “tornati indietro e risaliti” su due pullman e due minivan, alla volta di Milano.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest