Agcom, mazzata su Sky: multa da 2,4 mln sul pacchetto Calcio

Dopo le modifiche all’offerta per la stagione 2018/2019, la pay tv non avrebbe comunicato correttamente le variazioni né concesso il diritto di recesso gratuito. La società annuncia ricorso al Tar

Mazzata su Sky. L’Agcom ha inflitto una multa di 2,4 milioni di euro alla pay tv per il pacchetto Calcio. Secondo l’Autorità, dopo le modifiche all’offerta per la stagione 2018/2019, Sky non avrebbe comunicato correttamente le variazioni né concesso il diritto di recesso gratuito. Le variazioni nell’offerta erano scaturite dall’assegnazione, a giugno 2018, dei diritti sportivi nel periodo 2018-2021. L’emittente annuncia ricorso contro l’atto, pubblicato sul sito del Garante delle comunicazioni. La decisione può essere impugnata davanti al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio entro 60 giorni dalla notifica.  “Sky ritiene – afferma una nota della società – di aver agito conformemente alla normativa e confida che la correttezza del proprio operato emergerà da un esame più approfondito in sede di ricorso dinanzi all’autorità giudiziaria amministrativa”. La pay tv, inoltre, sostiene che “anche in questa occasione Sky ha dimostrato quanto la cura del cliente sia la priorità dell’azienda, decidendo sin dall’inizio della stagione 2018-2019 non solo di non ribaltare sulla propria clientela i maggiori costi rispetto al passato sopportati per l’acquisto dei diritti della Serie A, ma anche di arricchire il Pacchetto Sky Calcio con l’inclusione di rilevanti eventi calcistici, come l’Europa League e la Champions League”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest