San Felice a Cancello: progetto Game Over, scuola contro le ludopatie

Due giorni di incontri all’Istituto Gesuè

All’Istituto Comprensivo  “F. Gesuè” di San Felice a Cancello, provincia di Caserta, si è svolto il  IX Evento programmato dal Progetto Game Over stop ad dolore a casa del giocatore, per la prevenzione dalla dipendenza dal gioco d’azzardo. Una due giorni alla quale hanno partecipato all’incirca 100 studenti delle classi della scuola Media, scelti e segnalati alla Dirigente Teresa Mauro dal Corpo Docenti, tra tutti gli allievi più meritevoli e distintisi durante l’anno scolastico per profitto e per comportamento.  Venerdì dopo il saluto di benvenuto reso ai partecipanti dalla Dirigente prof.ssa Teresa Mauro, sono stai avviati i lavori tematici. E’  intervenuta la D.ssa Paola Piscitelli,coordinatrice del Progetto che ha lasciato la conduzione dell’incontro con gli studenti all’avv. Michelina Pirozzi, Presidente dell’Ass.ne “Ali e radici”. L’avv. Pirozzi li ha intrattenuti illustrando  loro i principi identificativi dell’azzardopatia come patologia vera e propria, su caratteristiche induttive e metodologie atte al recupero e alla riabilitazione. E’ stato poi il momento delle testimonianze introdotte dalla d.ssa Matilde Travaglione e  rese da due ospiti residenti  presso la “Leo Amici” di Valle di Maddaloni  (capofila della rete del progetto)  che opera specificamente nel recupero e la reintegrazione sociale e familiare di soggetti dipendenti da più cause ( droga, alcool e gioco d’azzardo); Grandissimo interesse e massimo coinvolgimento con domande e quesiti, hanno suscitato tra tutti gli studenti, le tematiche affrontate e le testimonianze rese. Al termine di questa prima giornata è stato fissato appuntamento a tutti per il giorno successivo, per la kermesse pratica di gioco sano e interattivo capitanata dal prof.  Salvatore Giardino che ha visto in campo tutti i giovani studenti, diversi docenti, la Consigliera di Parità della Provincia Avv. Francesca Sapone  e i rappresentanti di alcune Associazioni che hanno ricoperto l’incarico di Tutor delle squadre partecipanti alla mega Caccia al Tesoro organizzata per l’occasione. Entusiasmo, interesse ed un ottimo ricordo di due giornate  trascorse a contatto con una problematica quanto mai attuale e che purtroppo risulta essere più che  presente sui nostri territori; ma i ragazzi hanno risposto subito agli stimoli ed hanno assicurato attenzione, buoni propositi nella divulgazione degli strumenti preventivi e nessuna riserva nel riferire ai “Grandi”, laddove venissero a conoscenza di situazioni molto vicine a loro che potrebbero vedere come attori familiari, amici o compagni di scuola.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest