Portici: furto in appartamento, arrestato 34enne

 

L’uomo accusato di tentata rapina in concorso con altri due complici

Durante la fuga, due dei tre malviventi sono riusciti a far perdere le proprie tracce ma lui ha provato a tornare verso Via De Lauzieres dove ha incrociato i poliziotti che lo stavano braccando. Questa notte i poliziotti del Commissariato Portici hanno arrestato il 34enne pluripregiudicato del posto Gennaro Grammatico, accusato di tentata rapina in concorso. Nel tentativo di guadagnarsi la fuga, il 34enne ha iniziato a sferrare calci e pugni nei confronti degli agenti che arrivati quasi in Piazzale De Lauzieres sono riusciti a bloccarlo ed arrestarlo.

Verso le 19.15 i poliziotti si sono recati in Via De Lauzieres in quanto era stata segnalata l’introduzione abusiva di alcune persone all’interno di un appartamento. Giunti sul posto, hanno sorpreso tre uomini che stavano uscendo da un appartamento situato al piano rialzato dell’edificio. Dopo aver scavalcato il muro di cinta dei giardinetti di alcuni abitazioni di Via Madonna della Salute sono poi scappati in tutta fretta in direzioni diverse. Accortisi di essere inseguiti dai numerosi poliziotti, hanno iniziato una affannosa fuga che li ha portati più volte a cadere al suolo procurandosi escoriazioni e contusioni.

Durante la fuga Grammatico aveva provato a disfarsi di uno zainetto ma il gesto non era sfuggito agli inseguitori che lo hanno quindi recuperato. All’interno vi hanno trovato:  una torcia, una ricetrasmittente, una cesoia in metallo, un piede di porco, uno scalpello, un punteruolo, una mazzola ed altri cavi e cacciaviti vari. Sottoposto a perquisizione è stato trovato inoltre in possesso di monili e gioielli, tutti ammassati nelle tasche, per un valore di circa 8.000 euro. Addosso aveva anche quattro supporti per videogiochi sottratti dall’abitazione “visitata”.

La refurtiva è stata successivamente riconosciuta dalle vittime del reato ed a loro restituita. Questa mattina Gennaro Grammatico è stato condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest