Più della metà delle donne campane soffre di insufficienza venosa

E’ quanto emerso dal 32esimo convegno di “Flebologia Oggi”

Si è svolta a Napoli il 32esimo convegno di “Flebologia Oggi”, nel quale si è discusso dell’insufficienza venosa di cui soffrono più della metà delle donne campane. “I maschi non sono da meno anche se rappresentano una percentuale molto più limitata”. Affermarlo Lanfranco Scaramuzzino, chirurgo vascolare dell’Ospedale Internazionale di Napoli, che al termine del convegno ha anche precisato che “Le donne si rivolgono allo specialista per motivi estetici per poi scoprire di soffrire di patologie venose che vengono curate con trattamenti mininvasivi, con laser di ultima generazione sempre meno aggressivi e che danno risultati sempre più sicuri”. Per la biologa-nutrizionista Adriana Carotenuto “Bellezza delle gambe è sinonimo in genere di sana e corretta alimentazione. Ci sono tantissimi consigli da dare, i piu’ pratici: bere molta acqua, integrare con antiossidanti perchè il danno dell’insufficienza venosa è un danno da radicale libero, cioè da infiammazione. In caso di sovrappeso e/o obesità, mangiare frutta aumenterebbe di molto le calorie, per cui in quel caso consiglio degli integratori flebotonici. Attenzione anche alle fibre, è importante mangiarne la giusta quantità. Con adiposità localizzata, possiamo intervenire con protocolli intermittenti”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest