Benevento: maxi sequestro dei beni di tre società da parte della Guardia di Finanza

La Procura della Repubblica di Benevento apre un’inchiesta su aziende del settore tessile, pubblicitario e del commercio di autoveicoli. Denunciati gli amministratori delle società

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione a tre provvedimenti di sequestro preventivo al termine dell’attività di indagine coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento. Il sequestro ha riguardato la confisca dei beni, emessi dal Tribunale di Benevento – sezione del riesame, su appello del Pubblico Ministero, per un valore complessivo di Euro 1.048.481, relativo a depositi bancari, titoli finanziari, beni mobili ed immobili nella disponibilità di tre società a responsabilità limitata operanti rispettivamente nel settore tessile, pubblicitario e del commercio autoveicoli aventi sede nella provincia sannita, nonché nei confronti dei legali rappresentanti delle stesse. Le perquisizioni condotte dai finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Benevento hanno portato al deferimento all’autorità giudiziaria, degli amministratori delle imprese controllate, una 55enne, C.A. di Benevento, un 54enne,  C.E., di Santa Maria Capua Vetere, ed un 79enne, T.A., originario di Foglianise (BN). Le indagini fatte nei confronti delle tre imprese, hanno permesso di appurare che, nelle annualità d’imposta 2013, 2014, una società ha intrattenuto rapporti commerciali con vari operatori economici, non contabilizzando  nelle scritture contabili obbligatorie acquisite nell’ambito delle attività ispettive e non dichiarando ai fini dell’imposizione fiscale, operazioni attive scaturenti dall’attività esercitata, per un ammontare complessivo pari ad Euro 759.182,00, a cui corrisponde un’imposta dovuta pari a complessive Euro 223.624,00, mentre le altre due società hanno omesso di versare ritenute fiscali ed Iva per un valore di euro 824.857,00. Nella fase preliminare di esecuzione del provvedimento di sequestro sono stati già individuati nei confronti dei legali rappresentanti, diversi immobili e veicoli commerciali. Ed ancora presso vari Istituti di Credito, sono iniziate le operazioni di ricerca finalizzate all’individuazione di disponibilità bancarie e/o finanziarie che sono state sottoposte a sequestro.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest