Fico fa il pugno chiuso mentre va alla festa della repubblica – L’angolo sticazzi

Si sospetta un disegno eversivo del blocco sovietico

Gravissimo episodio alla parata militare per la festa della repubblica: il presidente della Camera, Roberto Fico, saluta con il pugno chiuso alcune persone che lo chiamavano. Ma la gravità del gesto va soppesata nel quadro di un chiaro disegno eversivo. Fico è lo stesso che, durante le consultazioni per la formazione del governo, va al Quirinale in autobus e perfino a piedi. E sempre lui, è quello sorpreso con i pugni in tasca a Palermo, durante l’esecuzione dell’inno nazionale, alla giornata della legalità (!). “Il presidente della Camera Roberto Fico scivola ancora una volta in una gaffe madornale” insorge Libero. In uno slancio sovranista, il Secolo d’Italia declama: “Per par condicio va sottolineato che Matteo Salvini non ha applaudito al passaggio della bandiera dell’Unione europea, ma tra questo e fare il saluto comunista, se davvero l’ha fatto, ce ne corre”. La corale esecrazione tocca il diapason con l’attacco di Giorgia Meloni, leader di FdI. “Di Maio ha confermato un veto su di noi perché pare che siamo troppo di destra – insinua Meloni – Mentre il presidente della Camera Roberto Fico oggi faceva il pugno chiuso alla parata del 2 giugno, per capirsi”. E se ci fosse lo zampino del Kgb?

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest