E’ successo sulla tratta Benevento-Napoli, il 17enne di Apollosa è stato arrestato dai carabinieri: dovrà rispondere di tentato omicidio

BENEVENTO – Nel corso del pomeriggio i carabinieri di Santa Maria a Vico, hanno tratto in arresto un 17enne di Apollosa ritenuto responsabile di tentato omicidio in danno di un 18enne di Cervinara. Erano le 16 circa quando i due, che si trovavano a viaggiare sul treno regionale Benevento-Napoli, a seguito di un alterco scaturito per ragioni ancora imprecisate hanno iniziato a litigare. Improvvisamente il 17enne ha estratto un coltello a serramanico di circa 20 cm colpendo, con 8 fendenti alla schiena e all’addome, il 18enne che si è accasciato accasciava a terra nel vagone. Il capotreno, accortosi di quanto accaduto,  decideva di fermare il convoglio oramai giunto alla stazione ferroviaria di Santa Maria a Vico dove l’aggressore riusciva a scendere dal treno e darsi alla fuga.  In quel frangente, una pattuglia dei carabinieri ha notato il giovane,  con vestiti e mani intrisi di sangue, allontanarsi repentinamente dallo scalo ferroviario. Intuito che qualcosa di grave era accaduto hanno bloccato il giovane il quale, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso del coltello che presentava sulla lama evidenti tracce di sangue. La vittima, in gravissime condizioni è stata trasportata presso l’ospedale civile di Maddaloni e sottoposta ad intervento chirurgico d’urgenza. Il treno locale n. 3417, della società EAV srl Ente Autonomo Volturno, è ripartito dopo circa 3 ore. L’arrestato è finito presso il Centro di Prima Accoglienza di Napoli Colli Aminei.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest