La protezione civile: temperature superiori di 4° alle medie stagionali

NAPOLI – La morsa di caldo e afa non si attenua. Un’altra ondata di calore è preannunciata dalla Protezione Civile della Regione Campania, a seguito dell’ultimo bollettino meteo. Si prevedono, dalle 12 di domani e per almeno 48 ore, condizioni di criticità per rischio da ondata di calore. Si prevedono temperature superiori ai valori medi stagionali di 4°, associate ad un tasso di umidità che, nelle ore serali e notturne, supererà l’80% e a scarsa ventilazione. “Tali condizioni – ricorda la Protezione civile – determinano una temperatura percepita superiore a quella reale e che potrebbero dare origine a situazioni di criticità nei territori di cui sopra per possibili disagi fisici, in particolare agli anziani ed alle fasce fragili della popolazione” Pertanto, si invitano gli enti locali e i sindaci ad attuare le idonee misure di sorveglianza, assistenza e soccorso.

LE REGOLE DI PRECAUZIONE – La Protezione civile regionale ricorda le misure di auto protezione raccomandate:

Evita di stare all’aria aperta tra le ore 12.00 e le 18.00, sono le ore più calde della giornata.
Fai bagni e docce d’acqua fresca per ridurre la temperatura corporea.
Scherma i vetri delle finestre con persiane, veneziane o tende per evitare il riscaldamento dell’ambiente.
Bevi molta acqua. Ricorda che le persone anziane devono bere anche in assenza di stimolo della sete. Anche se non hai sete, il tuo corpo potrebbe avere bisogno di acqua!
Evita bevande alcoliche, consuma pasti leggeri, mangia frutta e verdure fresche. Alcolici e pasti pesanti aumentano la produzione di calore nel corpo!
Indossa vestiti leggeri e comodi, in fibre naturali: gli abiti in fibre sintetiche impediscono la traspirazione, quindi la dispersione di calore.
Accertati delle condizioni di salute di parenti, vicini e amici che vivono soli e offri aiuto. Ricorda che molte vittime delle ondate di calore. sono persone sole.
Soggiorna anche solo per alcune ore in luoghi climatizzati per ridurre l’esposizione alle alte temperature.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest