La Giovanna d’Arco di Monica Guerritore al Teatro Italia di Eboli

Domani il primo appuntamento della stagione teatrale 2018/2019

Sarà Monica Guerritore ad alzare il sipario della stagione 2018/2019 del Teatro Italia di Eboli, domani 13 novembre, con lo spettacolo “Giovanna d’Arco”, riportato in scena a distanza di un decennio. E’ il suo spettacolo di maggior successo, dove torna ad avere la corta zazzera bionda, il corpo scattante e muscolosissimo. Di questo lavoro, la Guerritore è interprete, regista e autrice. L’esperienza di Giovanna rivive nella nostra epoca, compagna di ribellione e speranza di Che Guevara, del giovane cinese che a piazza Tien An Men ferma col suo corpo un carro armato, di uomini e donne ‘forti della forza’ che viene dall’istinto di libertà. Dimenticando l’immagine tramandata, Giovanna è viva attraverso gli Atti del Processo, visionaria e poetica nei versi di Maria Luisa Spaziani, reale nel racconto di Cardini e sarà il De Immenso, che Giordano Bruno scrive prima di essere messo a morte, a dare parole alla sua ‘chiamata’: … lei che incarna la perfetta fusione di ‘Corpo-Mente-Anima’ che lui stesso aveva preconizzato. Un parallelo tra due destini. Tra due intuizioni. “Dio è in me” si ostina a gridare Giovanna davanti ai giudici. Ed è la sua morte. Ma non la sua fine. Il cuore di Giovanna non aveva ragioni, ma forze. Forze e passioni che sole cambiano la realtà.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest