Concerto dell’Orchestra a plettro del Conservatorio “Martucci”

Appuntamento domani nella Sala San Tommaso del Duomo

La musica da camera del nuovo anno è affidata ancora una volta ai “Concerti in Luci d’Artista”. Il 2020 verrà inaugurato mercoledì 8 gennaio nella Sala San Tommaso, a Salerno, alle ore 20, con l’Orchestra a plettro del Conservatorio “G. Martucci”, diretta da Mauro Squillante, il quale si esibirà anche al mandoloncello, composto da Luca Petrosino e Davide Buonanno alle mandole, Matilde Squillante al basso, Alessandro Infante, Francesco Di Iorio e Monica Rispoli alla chitarra e Francesco Esposito al contrabbasso, protagonisti di un concerto interamente dedicato ai Canti di Natale. La serata principierà con le Visioni Natalizie di Giuseppe Milanesi, una pagina di intensa comunicativa, per proseguire con “So This is Christmas” di John Lennon. Happy Xmas (War Is Over), è noto che non nacque come canzone natalizia nel vero senso della parola, John Lennon e Yoko Ono, registrarono questo brano nel 1971 come protesta alla guerra del Vietnam. Lennon rilesse totalmente il senso, riscrivendone il testo, consegnando, così, una preghiera laica invocante lo spirito del Natale per combattere gli orrori della guerra, che divenne, col tempo, un classico della tradizione musicale natalizia. La lezione dell’ex Beatle è che il Natale può essere qualcosa di slegato dalla tradizione religiosa, che varca i confini culturali e sociali. Il concerto continuerà con “Notte di Natale” di Giacomo Sartori, un segno, il suo che rispetta la tradizione melodico – popolare italiana con venature malinconiche. E siamo all’immancabile “White Christmas” di Irvin Berlin, l’ebreo russo che praticamente ha reinventato il Natale, con all’attivo 812 composizioni, tra cui “Cheek to cheek”, ma delle quali la più famosa è proprio White Christmas, la più venduta canzone del mondo, con quell’ “I’ m dreaming of a White Christmas”, pronunciato da “Bing” Crosby, il maestro assoluto del crooning. E, ancora, Silent Night di Gruber, ma diciamo pure “Stille Nacht,Heilige Nacht”, che il compositore arrangiò nel 1818 per coro e chitarra. Si passerà, quindi a “What Child is This” in una particolare elaborazione di Marco Frisina. Finale affidato alle nostre melodie, a cominciare dalla “Sonata in Pastorale” di Emanuele Barbella, nella revisione di Roberto De Simone. E chiusura con la classica “Quando nascente Ninno”.

Monica De Santis

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest